Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
un po 'geeky  un po 'geeky

Caso 10

Orgoglio

Dopo una rapida ispezione, il maestro Java decretò che ogni monaco nel Clan dell'Orma di Elefante avrebbe da quel momento catturato il proprio pesce, coltivato il proprio riso, cucito le proprie vesti e fabbricato le proprie scarpe.

Entro un mese, tutti i monaci furono mezzi nudi ed estremamente malnutriti. Le scadenze smisero di essere rispettate. L’abate implorò il maestro Java di riconsiderare la propria decisione.

“Molto bene” disse il maestro Java. “Ogni giovedì, fagli anche bruciare le proprie vesti e scarpe, e lancia il loro riso e il pesce nel fiume.”

L’abate chiese quale trasgressione il suo clan avesse commesso per meritare una ismile punizione.

“Punizione?” disse il maestro Java. “Volevo solo premiare. I monaci dell’Orma di Elefante non godono forse della propria indipendenza e auto-sufficienza? Il loro codice me lo dice:

“Ciascuno ha essenzialmente creato gli stessi Oggetti di Accesso Dati e Oggetti Valore dei propri compagni. Ciascuno ha costruito le proprie utilità per le stringhe e parser di file di configurazione. Ciascuno ha fatto enormi sforzi per disegnare, implementare, integrare, testare, debuggare, riparare ed estendere quello che avrebbe semplicemente potuto consumare da uno dei propri fratelli.

“Devo dedurne incompetenza? Se è così, ciascun monaco dell’Orma di Elefante dev’essere cacciato dal monastero.

“Devo dedurne deliberata ignoranza? Se è così, la tradizione richiede che si accechino con delle ortiche e poi vengano cacciati via.

“Devo dedurne del disprezzo per la preziosità del tempo? Se è così, le segrete li aspettano.

“Ma no” concluse il maestro Java. “Devo invece dedurne orgoglio—orgoglio che ognuno prova nel sapere che il suo codice è superiore a quello dei suoi fratelli. Orgoglio che è uno dei Quattro Semi della Grandezza, e dev’essere incoraggiato. Lascia che l’Orma di Elefante affini le proprie abilità con le aste e le cesoie, con gli aghi e le falci, finché ogni monaco potrà essere ugualmente orgoglioso dei propri vestiti preziosi e della preda nel suo piatto!”

“Ci sarà poco tempo rimanente per la codifica” osservò l’abate. “E l’Imperatore è piuttosto letterale nella sua interpretazione della parola deadline.*

Il maestro annuì. “Il mercante, da poco fallito, conosce solo il dolore della perdita. Allo stesso modo il vecchio eremita esalta le virtù dell’austerità e non vuole cambiare il proprio stato. Ma non sono questi lo stesso uomo, separati solo da un abisso di anni?”

Così fu l’Orma di Elefante risparmiata due volte e corretta.

* “Scadenza”, in inglese. Dead vuol dire anche “morto”.
Topics...  reuse, pride