Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
moderatamente geeky  moderatamente geeky

Caso 168

Orizzontale, verticale

Quando i loro rispettivi apprendisti si furono ritirati per la notte,
i maestri Suku e Yaqqana parlarono vicino al fuoco
nel piccolo monastero di Yaqqana.

- - -

Yaqqana disse: Compariamo le vie dei nostri templi,
per vedere cosa possiamo imparare l’uno dall’altra.

Suku rispose: È conveniente.


Yaqqana disse: I nostri sistemi sono fatti di molti componenti,
ciascuno modellato come la terra stessa:
la persistenza sono le fondamenta rocciose,
la logica di business il suolo fertile,
la presentazione i boccioli fragranti
che deliziano il cielo infinito.

Suku rispose: Facciamo allo stesso modo.


Yaqqana adisse: I nostri design sono guidati da tre principi:
accoppiamento debole tra i componenti,
forte coesione al loro interno,
e incapsulamento ovunque gli sviluppatori si incontrino.

Suku rispose: Pensiamo allo stesso modo.


Yaqqana disse: Il mezzo che impieghiamo a questo scopo è ovvio:
a ciascun monaco è assegnato un componente per volta,
e crea i suoi livelli come meglio crede.

Suku rispose: Qui io e te prendiamo strade separate—giacché nel nostro tempio,
a ciascun monaco è assegnato un livello per volta,
ma lavora su molti componenti differenti.


Yaqqana disse: Le virtù della nostra via sono prontamente discernibili:
ciascun componente è consistente con se stesso,
ma è una scatola nera per i vicini a destra e sinistra.

Suku rispose: Le virtù della nostra via sono egualmente evidenti:
ciascun livello è consistente con se stesso,
ma è una scatole nera per i vicini sopra e sotto.


Yaqqana disse: La vostra via ci ucciderebbe per stagnazione—
giacché così tanti devono parlare prima che il codice venga scritto.

Suku rispose: La vostra via ci condannerebbe al caos—
giacché così tanto potrebbe essere scritto prima che chiunque parli.


Yaqqana disse: Quando il nostro tempo fu costruito,
fu su fondamenta di rispetto,
e fiducia reciproca,
e creatività,
e indipendenza.
Confidiamo che anche i nostri monaci inferiori consegnino codice di qualità,
e questo non lo cambierei con nulla al mondo.

Suku rispose: Né ti chiederei di farlo.
Il vostro tempio non è il nostro tempio; i vostri bisogni non sono i nostri bisogni.
Dunque accordiamoci su un’ultima cosa,
che è di separarci amichevolmente.


Così i due si abbracciarono in amicizia,
e si augurarono sogni piacevoli.

- - -

Ma quando Yaqqana si fu ritirato, e Suku fu da sola,
sussurrò al fuoco morente:

Quando il tuo tempio fu costruito,
furono i muratori a modellare le pietre delle fondamenta?
e furono i falegnami a tagliare le travi?
e furono gli idraulici a posare i tubi?
e furono i conciatetti a mettere le tegole?
O forse avete lasciato che cento inservienti scegliessero una stanza ciascuno,
e la costruissero dalla terra al cielo?