Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title

Questo stesso monaco dell’Orma di Elefante stava studiando il codice creato dal suo clan. C’erano diverse implementazioni rivali di un particolare Oggetto di Accesso Dati; in quel momento stava cercando di decidere quale sarebbe stato adottato in via definitiva dal suo clan.

“Ciascuna implementazione ha le sue particolari virtù e i suoi problemi” disse il monaco al maestro Java. “E ciascuna ha funzionalità che agli altri mancano. Devo consegnare tutte tranne una ai venti dell’oblio. Come dovrei scegliere?”

“Non posso rispondere se ho sete” disse il maestro. “Nell’armadietto dietro di te ci sono tre tazze di legno. Riempine una al fiume, la seconda al pozzo del Tempio, e la terza dal venditore d’acqua al villaggio. Riportamele tutte senza versare una goccia, e ti offrirò tutto l’aiuto che posso.”

Il monaco obbedì, e mise tutti e tre i recipienti davanti al maestro.

“Cos’hai imparato?” chiese il maestro.

Il monaco si inchinò. “Se dai una moneta al venditore d’acqua nel villaggio, batterà un gong due volte: una prima di riempire la tua tazza, e un’altra quando avrai preso il tuo primo sorso. Se riempi la tua tazza al pozzo del Tempio, non suonerà alcun gong, ma il secchio sarà pesante. Se immergi la tua tazza nel fiume, i pesci ne saranno disturbati e il dio del fiume dovrà essere placato con l’offerta di dieci pietre bianche.”

“Posso bere solo una di queste” disse il maestro. “Quale troverò maggiormente piacevole?”

Il monaco rifletté attentamente. “Il fiume era freddo, ma non completamente limpido. Dal pozzo del Tempio ho già bevuto in passato: le sue acque sono amare per via del calcare. E pur non conoscendo il venditore d’acqua, ho sentito molte volte il suo gong oggi. Perciò, sceglierei la tazza del venditore d’acqua.”

“Una conclusione sensata” disse il maestro. “In effetti, ho visitato questo stesso venditore d’acqua ogni mattina per otto anni, e ho sempre trovato l’esperienza assolutamente soddisfacente ogni volta. Qual è la tazza che ha riempito?”

Il maestro sorseggiò dalla tazza indicata, e sul suo viso comparve un’espressione di disappunto. “Giovane fratello” disse egli. “Hai del tutto frainteso la mia sete. Dov’è il suono del gong?”

- - -

La sete del maestro è insoddisfatta
ma il monaco ha la sua risposta—
quale suono ha fatto la tazza che l’ha versata?

Il monaco avrebbe fatto meglio
a mettere un turibolo di ottone sul cornicione
e aspettare semplicemente la pioggia.

Topics...  reuse, requirements