Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
estremamente geeky  estremamente geeky

Caso 6

Nulla*

Al ritorno dalle vacanze, l’abate del Clan Della Scimmia Ridente trovò il suo tempio in uno stato di panico e scompiglio. Il sistema finanziario che avevano appena modificato stava lanciando NullPointerExceptions per ogni nuovo cliente. Questi utenti, esasperati, chiudevano i conti dopo appena un giorno.

Con qualche difficoltà l’abate individuò il problema in un metodo il cui scopo dichiarato era quello di restituire l’elenco delle operazioni dell’utente. Se non avesse trovato transazioni tornava null, invece che una lista vuota.

“Portatemi il monaco che ha scritto questo metodo”, ordinò alle guardie del tempio. “E anche il monaco autore del codice che lo invoca.”

Il primo monaco, che era il più anziano dei due, dichiarò che la colpa fosse gettata ai piedi del secondo. “Il mio Javadoc era chiaro fino all’estremo. Non è colpa mia se lui non ha verificato la presenza di valori null”. Il secondo monaco chinò la testa per la vergogna e non disse nulla.

L’abate batté le mani e due alte urne di giada furono sistemate a terra davanti ai monaci. “La vostra punizione è scritta nei foglietti di carta contenuti all’interno. Ogni giorno prenderete il primo foglietto che le vostre dita toccheranno e obbedirete alla lettera, fino a quando l’urna si svuoterà.”

Fu ordinato di cominciare al monaco più giovane. La sua mano non era ancora arrivata a metà nell’urna quando si udì il fruscio della carta. Leggendo la strisciolina di carta, s’inchinò e uscì dalla stanza.

Il monaco più anziano infilò la mano in profondità nella sua urna finché le sue dita sfiorarono il fondo gelido. “Non ci sono strisce di carta in quest’urna,” disse il monaco, con un sorrisetto appena accennato sulle labbra.

“Né ci sono pesci, né dieci montagne”, replicò l’abate.

Poi il monaco anziano gridò di dolore. L’urna cadde e si frantumò. Uno scorpione si infilò tra le pietre del pavimento.

L’abate redarguì il monaco morente. “Non tutti i nulla sono eguali”

* “Empty” nel testo originale.