Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
un po 'geeky  un po 'geeky

Caso 9

Infiniti

Due monaci del Clan del Ragno stavano discutendo se la nuova routine di validazione degli input fosse o meno intrappolata in un ciclo infinito.

“Per quanto è stata in esecuzione?” chiese l’abate.

“Non più di mezz’ora” rispose il monaco pallido e magro.

“E nemmeno meno di quello” disse il monaco scuro e grasso.

“E non avete fatto niente in questo tempo tranne aspettare che finisse?” chiese l’abate.

I monaci chinarono le teste dalla vergogna.

L’abate riportò questo al maestro Java, che annuì. “Quale di loro crede che il ciclo non sia infinito?”

“Quello pallido e magro” disse l’abate.

“Allora dategli un otre di vino, perché è saggio. Nessun ciclo può essere davvero infinito. Un giorno la corrente verrà a mancare, il server si arrugginirà, il Tempio si sbriciolerà, e il sole inghiottirà la terra.”

Chiese l’abate: “E per quello scuro e grasso, che crede che il ciclo sia infinito?”

“Dagli due otri di vino, perché è più saggio. Per l’utente che attende davanti al suo browser, dieci secondi sono un’agonia, un minuto è un millennio, e qualunque periodo più lungo è effettivamente un’eternità. Quando la tigre dilania l’antilope, l’antilope non si chiede se sono state usate otto artigli o un milione.”

Topics...  philosophy, infinity, loops