Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
moderatamente geeky  moderatamente geeky

Caso 83

Conseguenze

(Sorry, this page has not been translated by the translator you selected.)

Un monaco anziano aveva richiesto di essere ammesso nel tempio. La Badessa Jinyu fu chiamata per indagare sull’uomo.

“Io detterò un dominio,” disse ella, gesticolando verso la lavagna con il suo bastone. “Tu modellerai un’implementazione in Java.”

Il monaco si inchinò e tolse il cappuccio a un pennarello verde.

“Tutti i soldati dell’Esercito Imperiale devono conoscere il proprio grado,” disse la badessa. “L’Imperatore potrebbe ordinare a un soldato di combattere fino alla morte, e solo a un soldato può essere ordinato di fare questo...”

Il monaco si inchinò e disegnò un rettangolo nel quale erano inscritte variabili d’istanza e metodi, come era abituato a fare.

“Alcuni soldati sono arcieri,” continuò la badessa, “ciascuno dei quali deve conoscere il numero di frecce in suo possesso. L’Imperatore potrebbe ordinare a un arciere di colpire un nemico lontano, e solo a un arciere può essere ordinato di fare questo...”

Il monaco si inchinò e disegnò un secondo rettangolo, unito al primo.

“Alcuni soldati sono cavalieri,” continuò la badessa, “ciascuno dei quali deve conoscere a quale cavallo è stato assegnato. L’Imperatore potrebbe ordinare a un cavaliere di travolgere i nemici sul suo cammino, e solo a un cavaliere può essere ordinato di fare questo...”

Il monaco si inchinò e disegnò un terzo rettangolo, simile al secondo.

“Infine,” concluse la badessa, “Alcuni soldiati appartegono alla Pioggia di Fuoco Volante, uno schieramento i cui membri sono sia arcieri che cavalieri sotto tutti gli aspetti. L’Imperatore potrebbe ordinare alla sua Pioggia Volante di dirigere la carica, e solo la Pioggia Volante ha questo privilegio.”

Il monaco esitò. Per un intero minuto non fece altro che fissare la lavagna; tutti i presenti potevano sentire i calcoli complessi che avevano luogo dietro il viso calmo del monaco.

Una suora del tempio sussurrò a Jinyu: “Questo problema ha molte soluzioni, ma nessuna di esse mi piace.”

“Proprio qui sta il suo valore,” sussurrò la badessa in risposta. “Perché siamo tutti condannati nella nostra professione: i nostri design possono aspirare alla purezza celestiale, eppure tutti i requisiti nascono nel fango del porcile.{*} Sono fiduciosa che questo monaco avrà successo quando le stelle sono a suo favore, ma quando non lo sono, come sceglierà di fallire? Arrendendosi codardamente? Con una dispendiosa vittoria? Con un erroneo compromesso? Giacché non è solo lui ma l’intero tempio che deve sopportarne le conseguenze.”

{*} Nel linguaggio di Jinyu, il “porcile” era solitamente “il mondo fuori dalle mura del tempio,” o a volte, “la stanza del mio figlio minore.”