Many thanks to Hanzík for the Czech translations!

tcc-case-title
estremamente geeky  estremamente geeky

Caso 134

Ghiaccio sottile

Il monaco Djishin si era stancato di arrancare dietro progetti oscuri per il Clan della Scarpa Sola, lontano dal centro della vita del Tempio. Fece appello al maestro Banzen per un lavoro più significativo.

Disse Banzen: “Ho in mente un’applicazione il cui codice è diventato confuso negli anni, per via dei suoi molti proprietari. Sospetto che nasconda molta immondizia che potrebbe essere rimossa.”

Quando Banzen esaminò la rifattorizzazione di Djishin, trovò che il codice era ben organizzato e molto semplificato. La maggiore riduzione era nel numero di classi di Oggetti di Trasferimento Dati.

“Ho tenuto solo quelle classi che corrispondevano direttamente alle tabelle del database” spiegò Djishin con orgoglio. “Vedete, qui c’è una query che unisce le tabelle Campagna, Soldato e Specialità, prendendo da ognuna solo due colonne. Prima c’era un OTD il cui solo scopo era di restituire i sei valori di ciascuna riga—vergognoso! Ora la query restituisce una lista di istanze Campagna, ciascuna contenente una lista di Soldati, ciascuno a sua volta contenente una lista di Specialità. Vero, il livello di presentazione ora deve esplorare questi oggetti, ma sono riutilizzati in tutta l’applicazione e chiunque ci lavori li conoscerà.”

Banzen si accarezzò la barba. “Hai adottato la strada dell’Object-Relational Mapping, in un framework di tua ideazione. Conosco le virtù di questo approccio, ma anche i suoi vizi. Queste tre tabelle hanno circa venti colonne ciascune; gli oggetti di dominio che le riproducono hanno allo stesso modo venti campi. Quindi ora invece di recuperare sei colonne per riga, ne stai recuperando sessanta? O eseguendo la query in tre fasi? O usando una qualche sorta di cache?”

“Nessuna di queste” disse Djishin con soddisfazione. “Recupero solo le sei colonne originarie, più le chiavi primarie. Tutti gli altri campi negli oggetti di dominio semplicemente non sono inizializzati.”

Banzen sospirò e prese il bastone.

- - -

Djishin si svegliò fuori con un mal di testa pulsante, coperto da uno strato di neve appena caduta. Era solo al centro di un campo pulito e perfettamente pianeggiante circondato da grandi pini. Tutto luccicava di bianco nel sole mattutino, e alcuni fiocchi ancora svolazzavano nell’aria.

Ai suoi piedi stava un lungo bastone infilato nel terreno. Una nota era legata al centro. Djishin la srotolò.

Ho ordinato al Clan della Scarpa Sola di rimuovere tutti i rifiuti dal cortile della spazzatura del Tempio. Non è delizioso adesso?
Sfortunatamente, quest’operazione ha lasciato molte buche profonde che avrebbero richiesto troppo sforzo per essere riempite, così abbiamo coperto la superficie in maniera piuttosto ingegnosa con uno strato molto sottile di rami e foglie. Giacché una bella nevicata è prevista per stasera, mi aspetto che ti sveglierai di fronte a un’immagine perfetta.
Attento a dove metti i piedi,
B.